VENERDI SANTO

In Passione Domini

INIZIO

“Tutto è compiuto”.

Con queste parole, pronunciate sulla croce, si conclude un’esistenza vissuta nell’amore verso Dio e verso i fratelli.

“Tutto è compiuto”: l’amore ha raggiunto la sua pienezza, potremmo dire quasi la follia.

Gesù Cristo, il figlio di Dio, si è donato completamente a noi, vittima innocente per giustificare tutti i peccatori..

Nel Crocifisso contempliamo il volto del servo sofferente, che  mediante la sua passione porta il peccato di molti ed ottiene la salvezza per tutto il mondo.

In lui scorgiamo i tratti del sommo sacerdote, che conosce e comprende la nostra debolezza, poiché per primo l’ha sperimentata, ed attraverso di essa ci ha redenti.

In questo giorno la Chiesa sosta in preghiera, in un profondo silenzio adorante. Riviviamo la Passione del Signore, contempliamo il dolore di Cristo tradito, schernito ed umiliato, crocifisso, trafitto e sepolto. Egli aveva detto che nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. Oggi ci offre la prova concreta di questo amore senza confini, morendo per tutti noi, per ogni uomo.

In questo giorno, per antichissima tradizione, la Chiesa non celebra l’Eucaristia. I momenti centrali della liturgia saranno la proclamazione della Passione e l’adorazione della Croce.

All’inizio di questa azione liturgica il celebrante, con i ministranti, si recherà all’altare e quindi si prostrerà a terra. Questo gesto manifesta la condizione umana davanti a Dio ed esprime la profonda adorazione di tutta la Chiesa di fronte al mistero della morte del nostro Salvatore. Tutti noi ci metteremo in ginocchio e pregheremo in silenzio.

 

 

 

PREGHlERA UNIVERSALE

Gli effetti suscitati in noi dall’annuncio della salvezza, sfociano ora in una preghiera di intercessione perché i benefici della Passione siano applicati a tutta l’umanità. Per mezzo del Cristo, sacrificato per noi sulla Croce, ogni invocazione, ogni attesa ed ogni speranza può salire gradita a Dio ed ottenere ascolto.

Dopo le preghiera letta dal lettore si fa un istante di silenzio, quindi il Sacerdote pronuncia l’orazione dal Messale.

  1. Preghiamo fratelli e sorelle per la Santa Chiesa di Dio. Condividendo gioie e speranze, ansie e preoccupazioni di tutta l’umanità, possa essere segno tangibile del Regno di Dio nel mondo.

 

  1. Preghiamo per il nostro Santo Padre il papa Francesco.

Il Signore, che lo ha scelto e  posto alla guida della sua Chiesa, lo accompagni nel suo ministero, lo sostenga nel suo ministero e gli conceda di essere per tutti i cristiani l’immagine di Gesù Buon Pastore.

 

  1. Preghiamo per il nostro vescovo Giuseppe, per tutti i vescovi, i presbiteri, i diaconi, per tutti coloro che svolgono un ministero nella Chiesa e per tutto il popolo di Dio, affinché ad imitazione di Cristo offrano se stessi a lode di Dio e per il bene del mondo intero.

 

  1. Preghiamo per i catecumeni:

Il Signore Dio nostro illumini i loro cuori e apra loro la porta della sua misericordia, perché mediante l’acqua del Battesimo ricevano il perdono di tutti i peccati e siano incorporati in Cristo Gesù, nostro Signore.

 

  1. Preghiamo per tutti i fratelli che credono in Cristo:

Il Signore conceda loro di riscoprire sempre di più il valore del Battesimo ricevuto, affinché, al di là delle divisioni storiche e geografiche, possano un giorno professare la loro fede riuniti nell’unica Chiesa di Cristo.

 

  1. Preghiamo per gli Ebrei:

Il Signore Dio nostro, che in Abramo li scelse per primi, li aiuti a progredire nell’ascolto della sua Parola e nella fedeltà all’Alleanza, e conceda la sua pace alla terra dove abitano, ancora provata da lotte e ingiustizie.

 

  1. Preghiamo per coloro che non credono in Cristo:

Illuminati dallo Spirito Santo possano comprendere la novità del messaggio del Vangelo ed entrare nella via della salvezza.

 

  1. Preghiamo per coloro che non credono in Dio: perché seguendo la via del bene e la loro retta coscienza, possano avvertire il desiderio di   conoscere Colui che ci ha creati e redenti.

 

  1. Preghiamo per coloro che sono chiamati a governare la comunità civile. Il Signore Dio nostro illumini la loro mente e il loro cuore, perché nella ricerca del bene comune, pongano al primo posto il rispetto della dignità di ogni persona umana, la salvaguardia della pace ed il sostegno ai più poveri.

 

  1. Preghiamo Dio nostro Padre,

perché liberi il mondo da tutto il male che ancora in esso regna: guerre, divisioni, ingiustizie, malattie, fame. Chiediamo a lui di rendere libertà ai prigionieri, giustizia agli oppressi, sicurezza a chi viaggia, ritorno ai lontani da casa. Offra egli sollievo a tutte le popolazioni che sono vittime di conflitti armati, sia vicino a chiunque vive una situazione di sofferenza, doni ai morenti la salvezza eterna.

 

 

ADORAZIONE DELLA CROCE

La seconda parte dell’azione liturgica comprende la solenne presentazione della Croce e la sua adorazione da parte nostra. Ora il Cristo crocifisso farà il suo ingresso tra noi: Lo accoglieremo con fede e devozione, riconoscendo che, sul legno della Croce risplende la gloria del Salvatore del mondo.  Ora, come il centurione pagano, anche noi possiamo dire: “Davvero costui era Figlio di Dio”.  Si, ne siamo certi, Egli è il nostro redentore, ieri, oggi  e sempre.

Ad ognuna delle tre  soste della Croce, risponderemo all’invito del sacerdote cantando: Venite adoriamo!  e ci porremo in ginocchio. Quando la Croce sarà giunta dinanzi all’altare, dopo i ministranti anche noi ci recheremo processionalmente a venerarla.

COMUNIONE

Il diacono si reca ora all’altare della Reposizione per prendere il Pane eucaristico, consacrato nella Messa del Giovedì santo.  E’ il vero Corpo di Colui che per noi si è offerto fino in fondo. E’ la vita stessa del Figlio di Dio, morto per noi sulla croce. E’ la presenza di colui che, nel mistero della sua risurrezione, ha vinto la morte e vive per sempre.  Accostandoci oggi a questo mirabile sacramento siamo ancor più intimamente associati alla sua morte, siamo costituiti eredi della promessa della vita eterna.

Testi composti da don Andrea per la via crucis del venerdi santo, animata dagli adolescenti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *